Blog: http://darkismy.ilcannocchiale.it

...Solo saper vivere...

Tutto quello che non mi fa morire,mi rende più forte> Nietzsche.
Ma allora bisogna attraversarle e non evitare le terre seminate dal dolore.
Quello proprio, quello altrui.
Perchè il dolore appartiene alla vita allo stesso titolo della felicità.
Non il dolore come caparra della vita eterna, ma il dolore come inevitabile contrappunto della vita, come fatica del quotidiano, come oscurità dello sguardo che non vede via d'uscita.
Eppure la cerca, perchè sa che il buio della notte non è l'unico colore del cielo
-Galimberti-.


Basterebbe
solo
essere
ste
stessi
senza
problemi.
Togliendo
una
cazzo
di
maschera.



Pubblicato il 11/6/2009 alle 17.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web